AGGIORNAMENTO DAYDREAM DAL GOOGLE I/O 2016

Ieri vi avevamo parlato dei recenti annunci di Google alla propria conferenza annuale (I/O 2016), di DayDream – nuova piattaforma per la Realtà Virtuale – e del nuovo visore VR, successore di Cardboard, ma questa volta con componenti di alta qualità in uscita in autunno.
Oggi approfondiremo un po’ quelle che sono le novità presenti nella nuova piattaforma.
Come già detto, i requisiti di sistema per DayDream non sono bassi per volontà di Google di offrire un’esperienza VR di alto livello, per questo tutti gli smartphone compatibili e i futuri con marchio “DayDream Ready” dovranno avere una bassissima latenza del display unita a ottime performance del SoC (system-on-a-chip).

Ulteriori informazioni su DayDream

La piattaforma avrà, come consuetudine, una schermata iniziale chiamata “DayDream Home” , molto ordinata ed intuitiva, dove troveremo appositamente ottimizzate per la Realtà Virtuale, le maggiori applicazioni tradizionali come Street View, Youtube, Google Photo ma anche una versione speciale e riadattata del Google Play Store dove adesso oltre alle app comuni potremo scaricare quelle in formato VR; inoltre sin dal momento dell’annuncio molteplici software house-third party hanno già annunciato di star sviluppando materiale per questa piattaforma come Electronic Arts (EA), Resolution Games, Ubisoft, NetEase ed Epic Games oltre ai famosi “broadcast streaming services” come HBO e Netlix, solo per citarne alcuni.

Possiamo quindi affermare che questa nuova piattaforma VR e questo nuovo visore daranno un’ennesimo scosso al mercato della Realtà Virtuale, già comunque in fermento a dire la verità; sicuramente le specifiche tecniche richieste da DayDream per gli smartphone non sono tra le più accessibili, ma sicuramente a trarne beneficio sarà l’esperienza, che oltre tutto pare sarà ricchissima grazie alle tante software house di terze parti che si sono già messe all’opera per fornire materiale VR.

Voi cosa ne pensate? Continuate a seguirci per aggiornamenti e news!

 

___________________________________________________________________________________________________________

Oggi in California (Mountain View ndr) si teneva l’annuale meeting di Google, la “Google I/O 2016 Conference“.

E’ stata di fatto una conferenza molto importante visto che hanno trovato sbocco i numerosi rumors dei mesi passati secondo cui Google stesse lavorando ad un nuovo visore mobile , di altà qualità, per la Realtà Virtuale successore del primo modello il “cardboard“.
Questo nuovo visore VR, annunciato ufficialmente durante la conferenza,  avrà un corpo macchina completamente in plastica, abbandonando il cartone che caratterizzava il precedente Cardboard, che monterà due lenti di alta qualità, con la possibilità di spostamento per un’ottimale visione.
Con queste caratteristiche il visore VR di Google sfida cosi apertamente il Gear VR di Samsung e Oculus VR, contando anche sulla versatilità del visore, che potrà contare su un numero decisamente maggiore di Smartphone compatibili; non saranno necessari, secondo la compagnia californiana, specifici brand di smartphone, saranno necessarie soltanto alcune specifiche tecniche “raccomandate” che già diverse tipologie di telefoni hanno. Il visore uscirà inoltre con in dotazione un piccolo controller, dalle dimensioni più o meno di un telecomando per macchina, che avrà pochi pulsanti ma sarà dotato di un sensore d’orientamento (in stile controller WII di Nintendo) estremamente preciso. Il visore, di cui non si conosce ancora il nome è atteso in autunno di quest’anno, data ancora da definirsi.

 

Annunciato "DayDream" nuovo visore VR di Google

Google annuncia DayDream e nuovo visore VR

 

Ma non solo, durante la conferenza, oltre al visore è stata presentata la nuova piattaforma di Google per la Realtà Virtuale che si chiamerà “DayDream“. Come sistema operativo la piattaforma è stata sviluppata per lavorare con Android N pensato proprio per la VR, con prestazioni e molte applicazioni ottimizzate in tal senso. DayDream richiederà “soltanto” dei requisiti di sistema piuttosto alti in termini di performance, lag del display e quant’altro, ma stando a quanto riportato già diversi smartphone top gamma sono “DayDream Ready“, nome dato da Google a certificazione dei dispositivi compatibili, che pare tra l’altro abbia messo già in moto diverse compagnie come Huawei, Samsung, LG, HTC e Xiaomio a lavorare per la produzione di smartphone con tale certificazione.

Giornata di annunci importanti per Google, e noi stiamo continuando a seguire l’evento, perciò rimanete con noi per aggiornamenti e news!