Omni è un progetto di casa Virtuix (http://www.virtuix.com/) che sfida i limiti della realtà virtuale e ne porta l’esperienza ai massimi esponenti. Omni è infatti una pedana che non solo consente all’utilizzatore di essere visivamente immerso nella realtà di gioco, ma permette anche di muovercisi fisicamente all’interno senza il bisogno di un controller, andando a operare nel settore del gaming.

Omni copertina“Diventa il tuo super-eroe preferito, entra nel futuro del gaming”

Il Design del dispositivo (mostrato in figura) presenta una base che sarà la pedana in cui andremo a muoverci, strisciando con le piante dei piedi grazie a speciali scarpe. A livello della cintola poi, è presente un anello con un imbragatura che servirà a darci stabilità e ancorarci alla struttura. In aggiunta, per determinati giochi possono essere necessari dei dispostivi a parte, come per esempio se desideriamo giocare a Battlefield necessiteremo di un particolare fucile.

Omni Virtuix è già disponibile al pre-order nel sito ufficiale (http://www.virtuix.com/products/) in una confezione con tutti i dispositivi al prezzo di $ 699, o si possono comperare i diversi componenti sfusi, in caso di riparazioni o eventuali. Non sono compresi nel pacchetto le periferiche come i fucili o le spade, mentre saranno comprese le scarpe.
L’idea di Virtuix è senz’altro rivoluzionaria, ma ci sorge qualche dubbio. Con questo nuovo strumento sarà infatti possibile camminare in una direzione mentre se ne osserva un’altra, offrendo notevoli libertà, ma basterà ciò a compensare la spesa? L’innovazione è senz’altro percepibile in giochi di genere fps, ma è meno notabile in giochi più complessi, dove è necessario l’utilizzo di un controller, relegando alla pedana il solo ruolo di movimento. Inoltre se per ogni gioco avremmo bisogno di una diversa periferica (fucile per CoD, spada per Skyrim, ecc.) a quanto ammonterebbe la spesa?
Senz’altro è un dispositivo in grado di rivoluzionare il gaming per come lo conosciamo oggi e sicuramente possiamo dire che vale la pena seguire lo sviluppo di questa interessantissima piattaforma per la realtà virtuale, ma il gioco varrà la candela?