Qualche tempo fa abbiamo parlato di un progetto molto promettente nel campo della Realtà Aumentata: Microsoft Hololens (http://www.realtavirtuale.org/presentazione-progetto-microsoft-hololens/). I visori della casa ci avevano colpito promettendoci non solo di rivoluzionare lo svago o il tempo libero, ma anche il nostro modo di lavorare. Oggi proveremo a fare un resoconto dei dettagli tecnici a nostra conoscenza del visore a realtà ologrammatica Hololens.

l-evoluzione-del-processore-nel-tempo

La prima innovazione presentata da Microsoft riguarda il processore, infatti il visore disporrà di ben 3 chip: una CPU, una GPU e una HPU (Holographic processing Unity). Intel fornirà i primi due chip, fornendo il SoC Atom Cherry Trail, nuova tecnologia con processo produttivo a 14 nm. La combinazione qualitativa dei 3 processori sembra essere pazzesca, si arriva a parlare di Terabyte di calcoli al secondo, ma sarà vero?

Per quanto riguarda il movimento Hololens sarà dotato di una camera + sensore per ogni lato, più altri (circa 18) sensori di vario genere sparsi per il dispositivo, in grado di fornire, tra le altre cose, un audio Spaziale 3D e un angolo di visione a 120°.
Una grande incognita rimane però l’autonomia. Il visore promette di essere completamente wireless, ma non abbiamo alcuna informazione per quanto riguarda la batteria, e questo rimane il nostro più grande dubbio riguardo a questo fenomenale progetto di casa Microsoft. Ecco il link al sito ufficiale: (https://www.microsoft.com/microsoft-hololens/en-us

Microsost-makes-sci-fi-reality-with-Windows-Holographic-and-the-HoloLens-headgear